La famiglia resta il Noi più autentico, nonostante tutto…

di Miriam Coccari

L’isolamento sociale, cui siamo stati costretti dalla pandemia di Covid 19, ha dimostrato che la famiglia non è affatto una istituzione obsoleta, come da più parti vorrebbero farci credere, ma resta insostituibile grazie alla parvenza di “normalità” che ha riacquisito e al suo ruolo di corpo intermedio tra uno Stato altrimenti invasore e un cittadino privato della dimensione intima.

Read More

Est-Ovest: un incontro/scontro di lunga durata

di Andrea Ungari

Nello scontro apparentemente inevitabile tra Occidente ed Oriente, il primo, nonostante la superiorità militare, vive un momento di maggiore difficoltà per via di un progressivo declino non solo economico-finanziario, destinato ad accentuarsi con la crisi post Covid-19 dei prossimi mesi, ma anche valoriale, accentuato dalla vuota retorica umanitaria.

Read More

La democrazia nacque a tutela degli interessi di una “élite” affaristica

di Alessandro Della Casa

Un libro di Francesco Colafemmina, che sarà presentato oggi pomeriggio ad Acquaviva delle Fonti, dissacra il mito del “governo del popolo” e spiega come il coinvolgimento della massa popolare nella gestione del potere, nell’Atene antica, celasse l’asservimento delle classi subalterne agli interessi di una “élite” plutocratica, demagogica e clientelare.

Read More

La frammentazione che inibisce il Noi nazionale

di Antonio Allegra

– Il professor Antonio Allegra, storico della filosofia all’Università per Stranieri di Perugia, studioso dell’identità e membro del comitato scientifico di Oikos, in un video in esclusiva per il nostro centro studi, illustra il suo punto di vista “diagnostico” sul problema della difficoltà di memorie condivise, dell’egemonia che si ricostruisce a partire dalle narrazioni e della frammentazione dei discorsi che impedisce di parlare della nazione come “Noi”.

Read More

Ironia del Noi sportivo in tempi di confinamento

di Giulio Sessa

Un racconto semiserio sul modo in cui gli sportivi – dal runner al ciclista, dall’utilizzatore di monopattino al nuotatore, dal paracadutista al frequentatore di palestre – hanno continuato ad allenarsi all’epoca del distanziamento sociale in una condizione di netta recisione dalla comunità di sodali con cui condividono la propria passione, con delle stranezze…

Read More

David Hume razzista? Come tutti gli illuministi…

di Spartaco Pupo

I manifestanti del “Black Lives Matter”, che nei giorni scorsi a Edimburgo hanno oltraggiato la statua di David Hume, accusato di razzismo, dovrebbero prendersela con l’intera cultura illuminista e i suoi maggiori interpreti, da Voltaire a Kant, assertori di un certo differenzialismo tra uomini, popoli e nazioni… ma dai quali derivano tutte le libertà di cui i novelli rivoluzionari usano e abusano.

Read More

Francisco Goya, I disastri della guerra (Incisione numero 3, Lo mismo)

Caos chiama ordine: premesse di guerra civile

di Danilo Breschi

Quando una minoranza, come avviene nelle azioni violente delle proteste in America, trova una sponda in parte delle istituzioni e dei pubblici poteri, si avvicina l’orizzonte della guerra civile, che è anche conseguenza dell’alleanza, in atto in alcune democrazie occidentali, tra l’estremismo violento di collettivi anarco-insurrezionalisti, il radicalismo rivendicativo di stampo etnico e la “political correctness” della sinistra politica istituzionale.

Read More