È la “desocializzazione” il prodotto della postmodernità: Matthew Fforde ci aveva avvisati

di Luca Pignataro

Secondo lo storico britannico Matthew Fforde, la dinamica che più caratterizza la postmodernità è il venire meno dei legami sociali, la “desocializzazione”, la cui causa fondamentale è data dall’affermarsi di antropologie come l’umanismo, il razionalismo, il dirittismo, l’economicismo, lo psichismo e il fisiologismo, magari non perfettamente sovrapponibili tra loro ma che si alleano per affermare un individualismo egoistico e disgregatore delle “comunità”.

Read More